Primpied by Gaia Guarino

 

 

Punti di vi(s)ta

 

Dalla palestra alla città

Leggings, felpe, top e t-shirt in microfibra. Tutto molto interessante se ti trovi in palestra pronta per allenarti, sudare e metterti in forma. Sporty look, assolutamente sì ma con moderazione! Se ti piace essere comoda anche fuori dalla panic room a base di step e bilancieri, crea un outfit pratico, comodo ma che abbia stile.

Ogni luogo ha il suo dress code, è la filosofia del Where & Wear. La palestra non fa eccezione. Per massimizzare l’efficacia del tuo workout anche ciò che indossi ha il suo peso ed è per questo che un abbigliamento tecnico è il compagno ideale per sollevare pesi e rassodare il ciap a suon di squat. Uno sporty look che si rispetti, non dimentica mai il suo lato fashion. L’era in cui riciclavi le magliette vecchie, sbiadite e – peggio ancora! – quelle pubblicitarie, per correre sul tapis roulant è finita. Se non vuoi sfigurare durante la lezione di CrossFit, ricorda che occorre rinnovare il guardaroba. Una lezione di Zumba può diventare uno dei momenti più bassi della tua carriera sportiva, se indossi una tuta del ’94 la situazione può soltanto peggiorare.

Ma cosa succede quando uno sporty look viene riproposto in un contesto diverso? Il passo dalla palestra alla città è molto breve e le cadute di stile sono sempre dietro l’angolo. Nessuno vieta un abbinamento casual e nessuno ti costringe a un tacco 12 hVentiquattro, è però fondamentale evitare quegli outfit che da errori diventano immediatamente orrori. Il segreto per vivere la tua city life con la massima spensieratezza è domare l’istinto che urla leggings & sneakers e ascoltare la fatina del buon gusto che ti incita a scegliere delle soluzioni casual ma mai shabby.

Una tenuta sportiva ibrida, ecco l’idea vincente.

Jeans e felpa con cappuccio, leggings con maxi maglia in seta rigorosamente lunga, minigonne e sneakers con un mood da cheerleader americana. Gioca con gli accessori abbinando ad esempio dei piccoli borsoni porta-tutto, cappellini con visiera e, se sei una nostalgica degli anni ’90, perfino le polsiere di spugna ereditate dal tennis.

Ricordati che il tuo sporty look, rispecchia personalità e carattere. Per questo motivo, non cedere alla monotonia dei neri e dei grigi ma osa anche con le tonalità fluo e perché no, con le fantasie.

Le star Made in Italy ma ancora di più quelle internazionali, sanno bene come giocare con i loro outfit ed essere sempre impeccabili. Per viaggiare da un aeroporto all’altro, per fare shopping o per le loro giornate da mamme super VIP, le celebrities non rinunciano mai al comfort. Via libera a scarpe da ginnastica all’ultima moda, crop top e capelli raccolti in code di cavallo (quasi) sempre fintamente spettinate.

In ogni caso, anche se il tuo sporty look non sarà paragonabile a quello di Rihanna, è sufficiente attenersi a tre semplici regole:

  1. Leggings chiari e a rischio trasparenza, al rogo! Se la legna per il camino è terminata, sai cosa utilizzare il prossimo inverno per accendere il fuoco!
  2. Il top per la ginnastica non sostituisce il reggiseno. A meno che tu non corra continuamente una maratona, sotto la camicia balconcino o push-up hanno il posto riservato.
  3. Gli anni ’80 sono finiti e la tuta acetata è un crimine sia dentro sia fuori la palestra. Come dice il proverbio…donna avvisata mezza salvata!

CREDITI

Vogue