Primpied by Chiara Tramatzu

 

Rossetto rosso

 

La sensualità si impregna di scarlatto con Primpy.

Rosso come il fuoco, la passione, l’amore, la guerra, il lipstick per eccellenza non è un clichè.

Arma di seduzione collaudata e icona intramontabile di femminilità e sensualità, il rossetto rosso, dopo un buon mascara, è un must have che non può assolutamente mancare nel beauty di nessuna donna.

Parliamo del rossetto rosso come un vero e proprio oggetto di culto che saturo di pigmenti, ha viaggiato nel tempo sublimando con le sue shades più disparate le labbra delle donne di ogni epoca. Già nel 2800 a.C., infatti venne rinvenuto all’interno della tomba della sacerdotessa Shub-ad, sovrana della città sumera di Ur, una piccolo vasetto d’oro contenente al suo interno una pasta fatta di polvere rossa ed olio di sesamo, con tanto di pennellino, da lei utilizzato per applicare il prodotto. Tuttavia, però, la storia di questo passepartout della cosmesi, si affermò definitivamente solo nel 1910 grazie a Roger & Gallet, che produssero il primo stick labbra, contenuto in un cartoncino e spinto fuori da uno stantuffo.

Ma attenzione giovani pulzelle, perché se pensate esista il rosso per eccellenza, vi sbagliate!

Sono presenti, infatti, infinite cromie fatte di toni e sotto toni in una continua spirale di armonie che si reinventano a seconda della stagione e dei trend del momento.

È per questo che la scelta del rossetto rosso è tutt’altro che facile, soprattutto per quanto riguarda la nuance.

Il segreto per tingere le vostre labbra di un vermiglio che non lascia niente al caso, infatti, sta nello scegliere quale sia la più adatta al sottotono delle vostre labbra.

Se tende al violaceo è bene optare per sotto toni freddi, più tendenti al blu, mente nel caso contrario, se si tende invece ad avere un sottotono labiale che vira verso il corallo, è meglio prediligere nuance più aranciate e calde.

Il secondo piccolo trucchetto, anch’esso importantissimo, consiste nel contestualizzare il proprio rosso, non trascurando il proprio colore di pelle e di capelli.

Generalmente i toni caldi si addicono particolarmente alle pelli ambrate e olivastre o a chi sfoggia capelli biondo grano, mentre i toni freddi tendono a valorizzare maggiormente pelle chiara e capelli bruni.

Attenzione anche alla dentatura: il rossetto rosso mette in primo piano le vostre labbra.

Se sapete di non poter contare su una dentatura sana e bianca, sarebbe bene concentrare la vostra attenzione su shades più tenui che non rischino di enfatizzare ed evidenziare ulteriormente eventuali difetti del vostro sorriso.

Ricordate inoltre che il rosso è un colore importante.

Puntate su un make up viso semplice e naturale evitando di caricare troppo gli occhi. Infine non dimenticate di idratare bene le labbra e di ridisegnarne il contorno con una matita prima dell’applicazione del rossetto per evitare sbavature e ottenere un risultato più preciso e pulito.

Ed ora donne, impugnate i vostri rossetti: Primpy vi aiuta a fare la rivoluzione delle vostre labbra!